Come scrivere un curriculum vitae efficace nel 2014

In questi giorni mi sto dedicando, per la seconda volta in un anno, alla ricerca di una figura di stageur che mi affianchi nella quotidianità dei lavori di agenzia e di gestione di http://www.momastyle.com. Mi rendo conto di essere una donna dalle molte pretese (le stesse, per altro, che in passato hanno avuto con me le figure professionali che ritengo mi abbiano meglio formato), ma mi rendo altresì conto che non c’è assoluta preparazione, da parte dei ragazzi più giovani, nella compilazione e scrittura corretta ed efficace del curriculum vitae.

Non mi occupo di risorse umane sia chiaro, ma sono imprenditrice, di me stessa e di tutto quello che ho costruito in quattro anni e ho imparato, credo abbastanza bene, a valutare le persone con cui decido di collaborare. Certo, gli errori sono sempre dietro l’angolo, anche un cv scritto alla perfezione e accattivante non nasconde necessariamente un futuro manager in erba, ma diciamo almeno che ci sono alcuni punti fondamentali che, dopo aver ricevuto da ieri pomeriggio circa una ventina di cv per la posizione da me aperta, mi sento di condividere con tutti voi. Un po’ sono frutto di esperienze personali (e dunque opinabilissimi), un po’ sono credo frutto di un comune buon senso.

  • Evitate il formato Europeo. So che da quando è stato introdotto molte aziende per comodità ne fanno richiesta ed è sicuramente utile quando si tratta di compilare application per stage/lavori relativi, appunto, alla Comunità Europea, ma, diciamoci la verità, è davvero orribile. Strutturato male, di non semplicissima lettura da parte di chi lo riceve, rischia di non far emergere le reali capacità ed esperienze del candidato. Quando, subito dopo la laurea specialistica, feci un colloquio per il reparto marketing di un’importante azienda moda lusso la responsabile risorse umane mi disse: “Ti abbiamo chiamata perché ci ha colpito il tuo curriculum scritto in modo ordinato ma discorsivo e ben leggibile, il formato europeo non riesce a farti inquadrare bene il profilo della persona”. Ho fatto tesoro di questa informazione e ho cestinato il mio cv europeo dalla cartella del pc dedicata al lavoro.
  • Il CV è il CV, il portfolio è un’altra cosa. D’accordo, avete capito che il formato europeo è detestabile, ora però non è il caso di trasformare il vostro curriculum in un susseguirsi di pagine colorate, con animazioni, bandierine, iconcine e triccheballache. Mi è capitato di vederne uno che aveva addirittura le emoticon animate. Pianeta terra vi chiama, state cercando lavoro e le persone che leggono i vostri cv non hanno tempo di farsi distrarre da farfalline svolazzanti su un foglio A4. Se fate un mestiere che lo richiede, piuttosto, lasciate creatività e colore per il portfolio.
  • Senza essere prolissi dettagliate le vostre esperienze: scrivere “Community Manager per XXX” può voler dire tutto o niente, per chi riceve il curriculum è meglio sapere se come Community Manager avete gestito uno o più profili Social, quali, con quanti contenuti settimanali, se solo a livello contenutistico o anche a livello strategico, se vi occupavate anche di gestione della crisi e di budget per le campagne adv (è chiaro che sto facendo un esempio applicato al mio settore, ma il discorso vale per tutti gli altri).
  • Elencare tutti i corsi che avete seguito in Università non ha nessun senso. Seriamente pensate che qualcuno rimanga colpito dal quantitativo di esami sostenuti? Più o meno chiunque debba selezionare del personale conosce la media di esami per i corsi di laurea, dunque un elenco della spesa è privo di significato. Piuttosto, in un punto del vostro cv in cui vi troverete a descrivere le vostre aspettative per il futuro o i vostri punti di forza, potreste citare ALCUNI corsi, laboratori o esperienze universitarie che avete ritenuto particolarmente formative o illuminanti.
  • Siate sinceri sulla vostra conoscenza delle lingue. Questo è un punto molto importante, inutile scrivere che conoscete l’inglese a livello ottimo per poi trovarvi ammutoliti quando, in sede di colloquio, vi viene rivolta una domanda proprio in questa lingua. La sincerità paga sempre. Se non siete linguisticamente preparati ammettetelo, piuttosto esprimete il desiderio di seguire un corso.
  • Occhio alla terminologia. Questo principio vale specialmente quando elencate le vostre competenze in un settore specifico, facciamo un esempio con quello informatico: scrivere “uso della posta elettronica”, che significato ha? Non sarebbe meglio scrivere, se ritenete ovviamente di saperlo fare, “buona conoscenza degli applicativi di posta elettronica con particolare riferimento a XX, XX, XX, gestione base mailing list ecc.”? Anche nell’utilizzo dei programmi siate sinceri, non scrivete “conoscenza base di Photoshop” perché pensate che ad aprire una foto e cambiarle un po’ i contrasti son buoni tutti, perché conoscenza base di Photoshop può voler dire che al primo giorno di lavoro vi venga chiesto di inserire un logo in vettoriale in un’immagine e allora poi andate nel panico cercando tutorial di ogni genere su Youtube. Non inserite Excel con leggerezza tra i programmi conosciuti, perché, ci risiamo, se al secondo giorno vi viene chiesto di creare una tabella con formule e voi non l’avete mai fatto, come pensate di cavarvela? Avviciniamoci ancora di più al mio settore di competenza: se effettivamente conoscete, anche una base, di HTML, scrivetelo, altrimenti lasciate perdere. Se sapete davvero cosa sia il SEO e come applicarlo alla scrittura online bene, altrimenti, in quanto stagista, ci sarà qualcuno ad insegnarvelo. La conoscenza di WordPress o di altre piattaforme CMS non significa semplicemente aver aperto un blog a caso una volta per vedere come è fatta l’interfaccia… Insomma, non è solo una questione di “prendere in giro” chi riceve il vostro cv, è una forma di tutela nei vostri confronti: la terminologia più è tecnica più crea delle aspettative in chi legge, dunque non usatela a sproposito.
  • Controllate il vostro italiano (o inglese, o qualsiasi altra lingua). Un refuso può capitare, non è piacevole da leggere ma sicuramente sopportabile. Errori di grammatica, periodi privi di senso logico, verbi mal coniugati, ecco, tutto questo NON È TOLLERABILE.
  • Attenzione a cosa scrivete nella sezione dedicata ad eventuali doti artistiche o interessi ludici/tempo libero. Perché? Perché mi è capitato di leggere le suddette parole: “interessi: cibo”. Mi sono domandata a lungo se la persona in questione intendesse dire che ama mangiare o che ama cucinare, o entrambe le cose. Diciamo che “cibo” con un punto subito dopo è una dichiarazione abbastanza strana. Inserire notizie sui vostri interessi relativi al tempo libero è cosa buona e giusta, anche in questo caso senza esagerare. A nessuno interessa se avete vinto una gara di salto in lungo in quinta elementare, piuttosto meglio sapere che seguite un corso di improvvisazione teatrale (vi piace fare gruppo e stare in mezzo alla gente, non avete paura di parlare in pubblico, presumibilmente avete voglia di imparare a “cavarvela” in ogni situazione), oppure giocate in una squadra di pallavolo/calcio/basket/palla a mano anche amatoriali (anche in questo caso non vi mancherà lo spirito di team!). Se vi state candidando per un lavoro creativo qualsiasi passatempo legato alla manualità sarà ben visto. Insomma, tornando al mio primo esempio: “magnà” non è un’attività del tempo libero che a chi cerca una figura professionale interessi particolarmente conoscere.
  • Createvi un profilo su LinkedIn e tenetelo aggiornato. Anche se siete ancora laureandi e avete pochissime esperienze lavorative da inserire non importa: mostrate la vostra presenza online in modo professionale ed evitate, dunque, di essere cercati su Facebook o Instagram dove pubblicate le peggio foto delle vostre vacanze ad Ibiza. Una volta che avete creato il profilo su LinkedIn, utilizzatelo! Chiedete collegamenti alle persone che conoscete, fatevi presentare, seguite le aziende che vi interessano, condividete link utili o consigliate quelli condivisi dai vostri amici/conoscenti/colleghi. Ancora meglio: partecipate attivamente a dei gruppi di vostro interesse.

Naturalmente per chi avesse qualcosa da aggiungere lo spazio dei commenti è sempre aperto.

cv

Annunci

Un pensiero su “Come scrivere un curriculum vitae efficace nel 2014

  1. Saša Radetti ha detto:

    Buona sera a tutti!
    vorrei condividere con voi la mia piccola esperienza. Nell’ultimo mese ho avuto cca 95 colloqui individuali con candidati, che hanno risposto al mio annuncio di assunzione. Per la prima volta mi sono trovato da questo lato della scrivania ed avrei un consiglio per chi cerca lavoro:
    – in linea di massima il selezionatore sa già le caratteristiche che cerca nei suoi candidati
    – quando stendete il CV immedesimatevi nel selezionatore. Non fate dei CV generici, che poi manderete a tutti i selezionatori. Modificate il CV adeguandolo alla realtà a cui vi proponete. Non fraintendetemi. Credo, che sia importantissimo raccogliere delle informazioni sulla realtà alla quale ci si candida e il CV dovrebbe far risaltare le vostre qualità secondo quel ambito. Non mentite, ne travisate, semplicemente fate risaltare maggiormente le caratteristiche idonee!
    – un buon CV secondo me ha due peculiarità, è corto (troppe cose sono superflue) e contiene informazioni, che possono incuriosire il selezionatore e confermare il suo interesse ad incontrarvi.
    – l’obbiettivo del CV non è farvi assumere, ma bensì farvi fissare il primo incontro. Provate a vendervi bene, tanto per aumentare le vs possibilità. Sarà poi obbiettivo del colloquio individuale valutare la vs integrità prima, e se le caratteristiche del vostro profilo possono essere inserite nella realtà lavorativa.
    – la mancata assunzione non ha a che fare con la valutazione personale del candidato, ma l’impossibilità di poter inserire una figura con quelle caratteristiche.
    Buona stesura di CV un grosso in bocca al lupo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...