Trasferire un blog da Blogger a WordPress quando si possiede un dominio di secondo livello

Mi sono resa conto, perché ci sono passata in prima persona, che la tematica oggetto del post è alquanto spinosa. Non esistono tutorial in italiano, l’assistenza clienti di Blogger, anzi, di Google Apps, è piuttosto lenta e lacunosa e dunque, molte persone che magari per gioco hanno aperto un blog su Blogger, deciso in seguito di acquistare un dominio personalizzato tramite l’apposito servizio messo a disposizione e ora vorrebbero fare “il salto della quaglia” passando a WordPress (più malleabile e professionale), non ci riescono e ci rinunciano sconsolati.

Questo è anche il mio caso: ho bloggato con il mio M.O.M.A. Style da aprile 2010 a una settimana fa, ad ottobre 2011 la decisione di comprare un dominio personalizzato tramite il servizio messo a disposizione da Google Apps e ad ottobre 2012 la decisione di migrare definitivamente su WordPress, con il pentimento di non averlo fatto fin da subito. Idem dicasi per questo sito su cui state leggendo il post, inizialmente hostato su Blogger e ora anche lui passato a WordPress da pochi giorni. Comunque, mi sono messa di impegno e ne ho fatto una questione di principio, certo, ho avuto qualche ora d’ansia, ma il trasferimento è riuscito e ora mi sembra carino spiegarlo anche a tutto il resto degli internauti blogger che vorrebbero farlo ma non osano.

Da dove si comincia?

Per prima cosa createvi un account su WordPress e create un blog provvisorio (io ho creato momastyle.wordpress.com ad esempio). Tramite l’apposito tool messo a disposizone da WordPress importate tutti i contenuti (post e commenti) del vostro sito Blogger. Farlo è molto semplice, dalla bacheca cliccate su Strumenti –> Importa –> Blogger. A questo punto si aprirà una schermata in cui sono elencati tutti i blog che possedete su Blogger, scegliete quello che volete importare cliccando su Importa. Vi si aprirà una schermata di Blogger in cui vi si chiede l’autorizzazione che, ovviamente, dovete concedere. A questo punto non vi resta che aspettare che l’importazione sia conclusa (se il database è piuttosto ampio ci vorrà un po’ di tempo, non agitatevi, fatevi un té caldo e pazientate).

Una volta terminata l’importazione del blog tecnicamente non è cambiato nulla, è come se ci fosse una duplicazione del vostro sito su wordpress e il vostro dominio continua tranquillamente ad esistere e vivere su Blogger. Lo step successivo prevede che, sempre dalla vostra bacheca WordPress, clicchiate su Negozio    –> Dominio. Vi troverete davanti a questa schermata:

Inserite il dominio di secondo livello che già possedete per il vostro blog (nel mio caso http://www.momastyle.com) e cliccate su Aggiungi dominio al blog.

Accederete ad una procedura di pagamento per la quale sarà necessario pagare 13$ all’anno, completatela (io vi consiglio sempre di usare Paypal, anche se WordPress è piuttosto sicuro come sito).

Prima di procedere con la parte più delicata (ovvero quella della modifica dei DNS per l’effettivo trasferimento del dominio) vi consiglio di fare alcune operazioni con WordPress.

Tornate dalla vostra Bacheca in Negozio –> Dominio e rendete primary domain il vostro blog .wordpress.com. A questo punto dedicatevi a scegliere un Tema per il vostro nuovo sito, sistemare la grafica, impostare i widget, di modo che, una volta che il trasferimento sarà avvenuto, sia già tutto pronto e i vostri utenti non si trovino di fronte a qualcosa di incompleto e che possa disorientarli. Quando avete finito con le vostre operazione grafiche tornate su Negozio –> Dominio e rimettete il flag come primary domain al vostro dominio di secondo livello.

Una volta fatto questo siete pronti per la parte più delicata di tutta la questione, ovvero la modifica dei DNS, ciò che permetterà davvero al vostro vecchio blog di funzionare con il medesimo dominio, sulla vostra nuova piattaforma WordPress.com

Prima cosa da fare: recuperare la mail di Google Apps di quando avete comprato il dominio (se per caso l’avete cancellata senza conservare i dati che vi erano scritti, ahiahiahi, non vi resta che contattare l’assistenza clienti Google). Loggatevi nel vostro account Google Apps e cliccate su Domain Settings e poi su Domain Names, avrete una schermata come questa:

A questo punto si apre un secondo problema: se avete comprato un dominio tramite Google Apps, il vostro dominio potrebbe essere ospitato su due diversi provider GoDaddy oppure Enom.

Le procedure cambiano a seconda dei provider, vediamo prima quella per GoDaddy.

Cliccate su Advanced DNS settings, vi apparirà una schermata come quella sottostante:

Cliccate su Sign in to DNS console e inserite nella pagina che si aprirà il vostro Sign-in name e la vostra Password indicate (ovviamente nell’immagine ho cancellato le mie!).

A questo punto siete all’interno del vostro pannello di controllo GoDaddy e dovete seguire le seguenti operazioni:

Prima di tutto sbloccare il dominio: vedete quel lucchetto giallo sotto la scritta Features? Ecco, per farlo diventare grigio (quindi sbloccato) come nell’immagine sottostante, dovete semplicemente cliccarci sopra.

Sbloccato il dominio ecco che arriva la parte più difficile: la modifca dei DNS per fare in modo che il vostro dominio funzioni su WordPress. Cliccate su Nameservers (vedi sempre foto sopra) e scegliete l’opzione Set namservers vi si aprirà la seguente finestra:

Fate esattamente ciò che c’è in questa foto: ovvero mettete la spunta nel pallino I have Specific Nameservers for my domains e inserite nei primi tre spazi: NS1.WORDPRESS.COM, NS2.WORDPRESS.COM, NS3.WORDPRESS.COM

Cliccate su Ok. Il vostro trasferimento è avvenuto. Tenete conto che potrebbero volerci pochi minuti, come fino a 72h, se dopo tale termine il vostro blog non dovesse funzionare sulla nuova piattaforma sarà il caso di contattare l’assistenza clienti GoDaddy (In Inglese!!) alla mail gdomains@secureserver.net

Vediamo invece quale è il procedimento se il vostro provider è Enom.

Una volta connessi al vostro pannello di amministrazione di Google Apps, cliccato su Domain Settings e poi su Domain Names, avrete una schermata come questa:

Cliccate su Impostazioni DNS avanzate (o Advanced DNS settings se il vostro pannello è configurato in inglese) e finirete qui:

Cliccate su Accedi alla console DNS e vi si aprirà il sito del vostro provider nel quale dovete inserire il nome del vostro Dominio e la Password per accedere (anche in questa immagine ho cancellato i miei per ragioni di sicurezza!).

Vi troverete davanti ad una schermata simile a quella che vedete qua sotto. Cosa dovete fare? Nella parte di pannello dedicata alle DNS information troverete la spunta messa su Deafault, dovete spostarla su Custom e vi appariranno degli spazi in cui scrivere i vostri domain server names che sono i seguenti: NS1.WORDPRESS.COM e NS2.WORDPRESS.COM. Una volta fatto questo cliccate su salva e anche questo trasferimento è completo.

NOTA: il procedimento di cambio DNS su Enom, per quanto più semplice, richiederà sicuramente più tempo ad avvenire fattivamente rispetto a quello con GoDaddy, parlo per esperienza personale, pazientate dalle 24 alle 72 ore e se, non volesse il cielo, dopo 72 ore il dominio non risultasse ancora accessibile contattate l’assistenza clienti (sempre in inglese) al seguente indirizzo mail GoogleClients@enom.com

Spero che questo tutorial sia stato utile a qualcuno, per domande, sempre che non siano troppo tecniche, sentitevi liberi di lasciarmi un commento.

Alessandra Pepe

pp.alessandra@gmail.com

Annunci

48 pensieri su “Trasferire un blog da Blogger a WordPress quando si possiede un dominio di secondo livello

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Rossella, per aiutarti ho bisogno di qualche informazione in più su quale dei due procedimenti hai seguito e da quanto tempo lo hai fatto, potrebbe essere semplicemente un problema temporaneo dovuto alla propagazione dei dns. Se vuoi scrivimi via mail pp.alessandra@gmail.com :))

      • TheFashionTwice ha detto:

        ciao alessandra ti ho mandato un messaggio si posta! il problema è che ora non mi funziona la posta, non ricevo nulla!!!!! cmq ho seguito il procedimento per godaddy, ora però ho un altro problema ancora ossia che non avendo mai ricevuto i dati di accesso a godaddy non posso creare il database per caricare il pacchetto wp e quindi non posso apportare modifiche al blog in quanto versione gratuita di wp.com ! ti prego aiutamiiiii! sn esasperata!

  1. muffa2 ha detto:

    Grazie Alessandra! Stavo pensando proprio di fare questo passo e non sapevo bene come! Utilissima la tua guida ora me la salvo così mi sarà d’aiuto quando cambierò dominio! Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  2. francesca ha detto:

    ciao alessandra, il tuo articolo passo passo è davvero utile. sto pensando di spostare il mio blog di blogger (ospitato su godaddy) su wordpress. sono agli inizi e non mi sono chiare un paio (diciamo così…) di cose.
    1) Le spese. al momento su blogger pago solo la quota annuale di hosting. su wordpress ho spese aggiunte?
    2) aspetto del sito. tu scrivi “A questo punto dedicatevi a scegliere un Tema per il vostro nuovo sito, sistemare la grafica, impostare i widget, di modo che, una volta che il trasferimento sarà avvenuto, sia già tutto pronto e i vostri utenti non si trovino di fronte a qualcosa di incompleto e che possa disorientarli”. non mi è chiaro se è possibile importare l’aspetto del mio blog di blogger su wordpress gratuitamente o devo acquistare un template su wordpress E riniziare da capo con la grafica per renderlo uguale all’attuale…
    Grazie mille per i tuoi consigli!

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Francesca,
      grazie per il tuo commento. Prima di tutto voglio premettere una cosa: se vuoi spostarti su wordpress e hai dei banner pubblicitari attivi con formule di affiliazione (es. zanox o commission junction) ti conviene pensare direttamente ad una soluzione self hostes con wordpress.org poiché wordpress.com non permette che banner di questo genere funzionino. Me ne sono resa conto qualche giorno dopo la migrazione e così ho deciso di migrare tutto nuovamente su wordpress.org, scriverò un altro articolo in proposito.
      Rispondo comunque alle tue domande:
      1) Il dominio con GoDaddy continuerai a pagarlo a Google per sempre, infatti tu non cambi dominio, cambi solo piattaforma, quindi comunque, ogni anno ti arriverà una mail da GoogleApps che ti chiede di rinnovare il domino. Il costo aggiuntivo che hai su wordpress.com (mi sembra siano 13€ all’anno) è il redirect del dominio e il funzionamento dello stesso sia con www. sia senza.
      2) Importare la grafica tout court è impossibile, soprattutto se utilizzavi un template di blogger. Il funzionamento delle due piattaforme ha molte differenze e quelle estetiche si notano in primis: generalmente il passaggio a wordpress viene fatto anche per avere un aspetto grafico più professionale. Su wordpress ci sono moltissimi template gratuiti (poi ve ne sono anche a pagamento ma credo che non sia necessario considerarli), il consiglio è quello di scegliere il più adatto alle tue esigenze e iniziare a prendere confidenza con tutti i widget che puoi inserire e le modifiche che puoi fare. Ricordati anche che su wordpress.com non puoi agire direttamente sull’html cosa che invece puoi fare con un sito self hosted su wordpress.org. Come accennavo sopra sto preparando un nuovo post proprio su questo argomento, se ti va di aspettare potrai leggerlo tra non molto!

      • francesca ha detto:

        Grazie della tua risposta e attendo volentieri il prossimo articolo a riguardo. Cmq no, non ho pubblicità sul sito.
        Permettimi di farti un’altra domanda, che mi sono posta quando aprii il mio blog. ho aperto un blog su blogger, sono passata da sito.blogspot.it ad un dominio di primo livello “www.sito.com” tramite blogger, scegliendo godaddy. La domanda è: il nome del dominio “sito.com” che ho scelto è mio e i soldi che pago su godaddy riguardano solo l’hosting? oppure il nome del dominio (ovvero mio sito) è di godaddy, a cui pago diciamo un affitto? non sono riuscita a trovare una risposta chiara a questa domanda, anche perchè ho letto e visto che su godaddy il proprietario rimane anonimo (non viene nominato su whois) e quindi non risco a capire a chi appartenga a questo punto il dominio… Grazie!

  3. alessandrapepe86 ha detto:

    Finché continui a pagarlo il dominio rimane di fatto tuo, se ad esempio lo lasciassi scadere senza rinnovarlo qualcun’altro potrebbe appropiarsene e utilizzarlo. Come ti dicevo in qualunque piattaforma ti sposti, che sia wordpress, joomla o qualunque altra, potrai continuare ad avere e pagare il tuo dominio ospitato su GoDaddy (che alla fine non fa altro che fornire un servizio), semplicemente dovrai cambiare i dns come ho spiegato in questo post.

  4. Simona ha detto:

    Ciao Alessandra, prima di tutto grazie per questo articolo UTILISSIMO, dal momento che wordpress mi attrae non poco e vorrei fare il passaggio. Mi chiedevo, a conti fatti, il costo di 13euro l’ anno di wordpress è un costo aggiuntivo?……cioè per “l’ intera baracca” io pagherei 9,7euro a google per il mantenimento del dominio più i 13euro l’ anno a wordpress? scusa la domanda a sfondo economico ma non riesco a trovare risposta a questa cosa 😉

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Simona, esattamente. In realtà tu i 9.7€ li paghi al tuo hosting (che sia GoDaddy o Enom) tramite Google, ma di fatto quel dominio è tuo e lo rimarrà finché continuerai a pagarlo indipendentemente dal fatto che il tuo blog non sia più su Blogger. In aggiunta ci sono questi 13$ da pagare a wordpress per questioni di redicrect e dns (e anche per avere la possibilità che gli utenti raggiungano il tuo sito sia mettendo www. sia non mettendolo davanti all’indirizzo del tuo sito!). 🙂

  5. Valeria D'Esposito ha detto:

    Ciao Alessandra, grazie per avermi linkato questo interessantissimo post.
    Ho un paio di domande: Ho pagato i 10$ a blogger circa 3 mesi fa, ma l’estensione .blogspot non è mai stata tolta, l’unica differenza è che il mio blog appare anche se si digita .com invece di .it, a tuo parere ho saltato qualche passaggio? Come posso controllare? Ho provato a modificare la denominazione del dominio, ma mi dice che il mio nome senza .blogspot appartiene a qualcun altro, ed è strano perchè è un nome di fantasia, un pò inusuale, e controllando sul web non mi appare nessun omonimo
    2 – questi passaggi posso seguirli nello stesso modo per passare direttamente a wordpress.org invece che che wordpress.com? O c’è bisogno comunque del passaggio intermedio?

    Valeria

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Valeria,
      se hai comprato il dominio di secondo livello tramite Google Apps è molto strano che non funzioni. Dovresti prima riuscire a verificare questo passaggio perché altrimenti mi riesce impossibile riuscire a guidarti nella migrazione a wordpress.
      Tu hai comprato proprio cocoelistrione.com ?
      Il passaggio intermedio non è assolutamente necessario, anzi, migrare direttamente .org è molto più semplice e puoi seguire direttamente i passaggi di questo tutorial. Se decidi di lasciar perdere il dominio che google di da come non acquistato (ti hanno mai scalato i soldi dell’acquisto?) ti conviene acquistare un dominio tramite bluehost e poi procedere all’installazione di wordpress.org (tenendo conto che la cifra sarà un po’ più alta 89€ per l’hosting più il costo del dominio).

      Alessandra

  6. alessandrapepe86 ha detto:

    I contenuti li recuperi tutti! Devi esportare il file apposito da Blogger in cui è contenuto tutto il sito (post + commenti) e caricarlo poi su wordpress.org una volta che avrai comprato l’hosting, il dominio e installato tutto!

      • Valeria D'Esposito ha detto:

        Ciao Alessandra. Una curiosità: ho rinnovato il dominio su wordpress per il secondo anno e ora dovrei rinnovare l’hosting. Bluehost mi chiede sui 100 dollari, ok. Ma se volessi cambiare hosting e sceglierne uno più economico visto che ho sempre meno tempo per il blogging, ci sarebbe possibilità di farlo?

  7. Valentina Barone ha detto:

    Ciao Alessandra,
    ho seguito i tuoi passaggi e ora il mio blog è irraggiungibile, aspetto i prossimi giorni che ricompaia…adesso però la posta non mi funziona più in entrata, in uscita manda tutto normalmente, in entrata invece gira, mi da che ha scaricato tutto invece non riceve più… può essere un prblema temporaneo fino a quando non ricopare anche il blog o è un’altro motivo?

    grazie v.

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Valentina,
      teoricamente se hai seguito tutti i passaggi correttamente il blog dovrebbe tornare a funzionare nel giro di poco tempo. Avevi un dominio di secondo livello con anche indirizzo mail personalizzato con il nome del blog, giusto?
      Per quanto riguarda il funzionamento della mail devi controllare che siano stati modificati correttamente i dns anche per quest’ultima, operazione che io non ho descritto in quanto non ho mai attivato il servizio di mail personalizzata fornito da google.
      All’interno del tuo pannello di comandi wordpress puoi verificarlo andando su Negozio > Dominio > Modifica DNS (ovviamente all’interno del tuo dominio primario).

      Avendo pochi dettagli sulle operazioni che hai fatto non posso aiutarti di più, se vuoi puoi scrivermi una mail a pp.alessandra@gmail.com con qualche dettaglio in più e se posso cercherò di aiutarti.

      Alessandra

  8. Valeria D'Esposito ha detto:

    Ciao, ti ho già scritto precedentemente. Mi sono finalmente decisa! Oggi vorrei comprare un dominio Bluehost per aprire direttamente il blog su wordpress.org e poi appena pronta trasportare il mio da blogger. In pratica sintetizzo ciò che consigli nei 2 articoli. Che ne pensi? C’è qualche altro passaggio da fare prima di muovermi come ti ho descritto?

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Assicurati di fare comunque un backup del sito su blogger e salvalo sul pc, potrebbe tornarti utile nel caso in cui alcuni articoli andassero persi nel trasferimento. Preparati psicologicamente al fatto di dover controllare poi ciascun articolo, la cosa che succede più spessa è che vadano perse delle immagini o delle formattazioni particolari che avevi dato agli articoli 😉

  9. Laura ha detto:

    Sto meditando di farlo, questa guida mi sarà utilissima! 🙂 e adesso tutto mi sembra più semplice. Grazie mille!

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Vincenzo,
      non li perdi nel senso che rimangono comunque visibili nel tuo account blogspot. Ovviamente però sulla nuova piattaforma i conteggi ripartono da zero, per questo in un blog/sito è sempre bene avere installato un sistema di monitoring esterno e con codice come Google Analytics 😉

  10. gaetano ha detto:

    ciao! vorrei trasferire il mio blog da blogger a wordpress, inoltre dovrei trasferire il dominio quindi da godaddy a hostgator, ma sinceramente su questo passaggio ho molti dubbi. In pratica ho capito la sostanza del tuo articolo, però non voglio avere un blog che anche se installato su wordpress mi gira comunque su godaddy!!! vorrei quindi trasferire il dominio da godaddy a hostgator! come fare?
    grazie

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Gaetano,
      francamente non conosco hostgator ma suppongo che nel loro sito ci sia un procedura apposita da seguire per trasferire il tuo dominio!

  11. insidethewood ha detto:

    Ciao Alessandra, ti volevo ringraziare per il tuo tutorial, mi è stato molto utile. E’ cambiata un po’ l’interfaccia grafica ma è tutto ancora comprensibile.
    ti volevo chiedere una cosa, il mio dominio viene reindirizzato a quello .wordpress.com, è una cosa che farà sempre o arriverò a possedere ancora quello originale? ho provato a mettere come primario il mio dominio ma mi riporta a quello vecchio.
    ti ringrazio ancora
    Richard

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Richard, se hai seguito correttamente tutta la procedura di cambio dei dns generalmente ci vuole solo qualche ora (massimo un giorno),
      prima che i dns stessi si ripropaghino correttamente e dunque puntino al nuovo sito.
      Sei riuscito a risolvere?

  12. babyatthecityCostanza ha detto:

    Avrei una domanda (stupida): non riesco ad accedere alla mia pagina di google apps. Pur inserendo l’unica password mai esistita per l’account, mi compare una schermata “richiesta non valida”. Se provo a cambiare la password e ricomincio da capo, mi dice lo stesso richiesta non valida. Sembra come bloccata….
    Come faccio ad accedere quindi al pannello per la modifica dei DNS? Non esiste il modo di poterlo fare direttamente dal pannello di wordpress? Altrimenti sará stato tutto lavoro buttatonvia.. 😦

    Grazie!!
    Costanza

    • alessandrapepe86 ha detto:

      Ciao Costanza, purtroppo da WordPress non puoi cambiare i dns del dominio che hai acquistato con Google Apps.
      Devi per forza trovare il modo di accedere al tuo profilo Google Apps, prova a contattare il servizio clienti di Google o a
      consultare le FAQ per vedere se qualcun’altro ha avuto un problema simile al tuo e come l’ha risolto!

      • insidethewood ha detto:

        Ciao,Alessandra, mi permetto di rispondere io visto che ci sono passato da poco e ho avuto lo stesso problema, non devi loggarti con la tua solita email ma con la email di amministratore che è :
        bloggeradmin@il-tuo-dominio-.com
        Da li devi procedere al cambio della password (che sicuramente non avrai e che non è la tua solita) e una volta effettuato il cambio ti puoi loggare e fare tutto il necessario.
        Ciao
        Richard

  13. donataginevra ha detto:

    Ciao Alessandra, ottima guida la tua sono pronta anche io a passare a wordpress ma ho una domanda da farti: gli url dei vari post su blogger, una volta fatto il passaggio, punteranno su wordpress o daranno errore 404 pagina non trovata? Cioè tutti i link ai miei pezzi sparsi x il web dove punteranno? Grazie

    • Alessandra Pepe ha detto:

      Ciao, in effetti hai sollevato un bel problema! Prima di tutto è necessario impostare un redirect! Secondo step importante, una volta che ti sarai spostata su wordpress devi impostare i permalink esattamente come li visualizzavi prima, ci sono varie opzioni di impostazione dei permalink (ad esempio titolo post/pagina, oppure data pubblicazione con numero progressivo ecc.), se non dovesse bastare ci sono anche dei plugin apposta per wordpress che aiutano nel risolvere il problema ma questo solo se trasferisci tutto su un selfhosted su wordpress.org

  14. podoseb ha detto:

    Salve, qualche mesetto fa ho comprato un dominio su GoDaddy (direttamente sul sito ufficiale visto che non è più disponibile l’acquisto automatico dal pannello di Blogger), ho impostato il dominio acquistato come dominio personalizzato del nuovo blog creato con Blogger. Ora però ho intenzione di spostare il tutto su WordPress dato che ho acquistato l’hosting su GoDaddy che mi permette di avere 10 database mySQL ma non ho idea di come fare.

    Di visite non ne ricevo tante al momento per cui non mi interessa di tenere il blog sistemato prima di procedere con l’importazione su WordPress. Voglio solo capire come togliere di mezzo Blogger, portare tutto il lavoro fatto in questi mesi sull’hosting e lavorarci con WordPress.

    Grazie in anticipo per la risposta.

    • Alessandra Pepe ha detto:

      Anche se hai comprato il dominio direttamente su Godaddy la procedura che ho descritto non cambia, anzi è più comoda perché puoi saltare il passaggio di entrare in Google Apps e cambiare le impostazioni, tutto il resto è uguale!

  15. susygiordi ha detto:

    Ciao!! Io ho un altro problema, a parte che non riesco ad accedere a Google apps, lo ammetto non ho mai impostato la password e ci ho provato ora dopo quasi un anno e non mi fa impostare la password. Il punto è che io non voglio spostare il blog, ne ho due, uno su wordpress e uno su blogger e voglio cancellare quello di blogger e anche il dominio per poi rimetterlo su wordpress, è possibile!? Oppure, in alternativa, è meglio non cancellare il dominio ma impostarlo solamente su wordpress dopo aver cancellato il blog su blogspot!? Grazie in anticipo!!

    • Alessandra Pepe ha detto:

      Tendenzialmente è difficile che template studiati per piattaforme diverse da WordPress siano appunto compatibili con WordPress, soprattutto se parliamo di un sito fatto con blogspot. Il funzionamento dei widget è totalmente differente e il template va ricostruito da zero! Però credimi le potenzialità di un template di wordpress.org non sono paragonabili a nulla 🙂

  16. Sandro ha detto:

    Ciao Alessandra,
    Grazie dell’interessante articolo, anche io ho il solito problema, il mio blog è su blogger dal 2011 con dominio acquistato tramite Google apps, vorrei passarlo su WordPress perché ho visto le enormi differenze grafiche di questa piattaforma.
    Il mio blog è ricco di foto e su wordpress rendono molto meglio, vorrei inoltre avere la possibilità di usare i plugin per il seo che blogger non ha.
    Ti chiedo due cose:
    – 1 visto che non sono molto ferrato in questi passaggi tecnici, se sbaglio qualcosa a che rischi vado incontro?
    – 2 Per una migliore indicizzazione mi consigli di passare alla piattaforma gratuita di WordPress oppure .org?
    Grazie per una tua risposta.

    • Alessandra Pepe ha detto:

      Ciao Sandro,
      assolutamente a wordpress.org.
      Purtroppo il passaggio delle immagini è la cosa che più frequentemente va storta o può creare problemi nel passaggio,
      per questo se il tuo blog è basato sulle fotografie ti consiglierei di rivolgerti ad un programmatore che possa aiutarti
      nel passaggio! (il rischio a cui andresti incontro è quello di doverti ricaricare a mano molte immagini “perse” nel trasferimento!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...